...una voce...tante emozioni...un viaggio...tante voci...un libro...le voci in viaggio...
Siamo un gruppo di persone che Ama la lettura e ha deciso di mettere in valigia storie, racconti, fiabe, poesie e di partire per un lungo Viaggio, in mezzo alla gente.
Ad ogni tappa del nostro cammino trasmettiamo con la nostra Voce emozioni che partono da Viaggi lontani, a volte persi nel tempo.
Leggendo parole scritte da vite più o meno note, ma che hanno lasciato un segno nella storia del mondo, possiamo leggere la vita di tutti i giorni e cominciare a scrivere quella che verrà.
L’emozione più grande è leggere negli occhi e nel cuore di chi ti ascolta la condivisione di ciò che arriva dalla nostra anima.
Ed è l’inizio di un nuovo Viaggio…


Le Voci Consigliano

venerdì 9 dicembre 2016

Letture di Tè - Caffè Arcadia - Conegliano 11.12.16












Incontro con le Voci in Viaggio a base di tè, cioccolata, dolcetti e cultura. 
Parleremo di tè, leggeremo di tè, sorseggeremo un buon tè e ci chiederemo perché. 
E alla fine...ci sarà un regalo di Natale per tutti, uno di quei regali che non ci aspettiamo...

In collaborazione con VOCI IN VIAGGIO, Arcadia vi propone un nuovo incontro a base di tè, cioccolata, dolcetti e cultura! 

La partecipazione è a prenotazione inviando un messaggio alla pagina o passando da noi almeno due giorni prima dell'incontro che si terrà l'11 dicembre al bar Arcadia di Conegliano in Corte delle Rose dalle ore 15.30 alle 18.

ll costo della partecipazione è di 10 € da pagare all'inizio dell'evento. 
Il costo comprenderà:
☃ Una tazza di bevanda calda da scegliere tra le nostre specialità: (32 gusti di tè, 32 gusti di cioccolata calda, Matcha Latte, e le varie preparazioni a base di caffé)
☃ Dolci (Pasticcini, biscotti) e salato (Tramezzini, finger food) 

A fine evento taglio dei panettoni e saluti natalizi! 

Info: 338/4149485

mercoledì 16 novembre 2016

In Personae....scorci dall'evento del 12.11.16





Aspettando l'ultimo appuntamento
dell'evento
Movies call Theatre
assaggiate uno scorcio
dell'appuntamento
con Persona(E)

Ci vediamo il 26 novembre con
Fare_Night

per info 338/4149485

martedì 8 novembre 2016

Incontrando di Persona Bergman





SABATO 12 NOVEMBRE
PIAZZALE ZOPPAS
CONEGLIANO TV

Voci in Viaggio in collaborazione con Ailuros

presenta

MOVIES CALL THEATRE
quando il Cinema incontra il Teatro

Performance + Proiezione film

ore 20,30

Ingresso libero

Per info:
voci.inviaggio@gmail.com
cell.: 338/4149485



mercoledì 5 ottobre 2016

Quando il cinema chiama il Teatro...

Parole. Voci. Ascolti. Sentire...intrusioni.
"1984, Berlino Est. La Glasnost è ancora lontana. La popolazione della DDR è tenuta sotto stretto controllo della Stasi, la polizia segreta della Germania Est.
Con 100.000 uomini e 200.000 informatori la Stasi tutela la sicurezza della Dittatura del Proletariato. Suo dichiarato obiettivo è quello di "sapere tutto".


Sono stata troppo debole e non potrò rimediare a quello che gli ho fatto."
da "Le vite degli altri"

Arriva un nuovo lavoro delle Voci in Viaggio. Ottobre, Novembre   2016

Stay tuned!


mercoledì 28 settembre 2016

Questa immagine....






Questa immagine rivela una parte della facciata di Palazzo Cappello a Meolo (VE).
Bellissimo palazzo del 500 ristrutturato e attuale sede municipale.
Qui, domenica 29 gennaio, nel pomeriggio, le Voci in Viaggio vi porteranno dentro un sogno....
The Lost Way.
Stay tuned.

giovedì 8 settembre 2016

Tanto per ricominciare...




Si ricomincia da qui, da un viaggio che inizia, per curiosità, per ferie, per voglia di andare...

Una Voce in viaggio ci ha inviato questa bella foto di Ostuni, la città bianca.

Che sia di buon auspicio per i nuovi viaggi che le Voci faranno insieme, da sole, ovunque.

A presto.


giovedì 11 agosto 2016

Le Voci in Viaggio in ...Pic Nic!

Ebbene sì, ogni tanto le Voci in Viaggio usano la bocca non solo per declamare i propri versi preferiti, ma anche per mangiare in compagnia.



Al parco San Floriano di Polcenigo (PN) si possono vivere dei momenti rilassanti 






E' un parco gestito da una cooperativa 










Ci sono animali, alberi, piante aromatiche, percorsi Vita e tante belle aree pic-nic



Cin-cin!


mercoledì 10 agosto 2016

Storie da...vedere!






Udite Udite!

Domenica 14 agosto

alla sagra di Ogliano di Conegliano

alle ore 20,00

Antonella Rui presenta:

"Storie da ...vedere!"

letture animate per piccini e ...

...non più piccini!

Ingresso libero

Per info: 338/4149485

giovedì 4 agosto 2016

I nostri amici del Wwf


Le Voci in Viaggio non ci saranno, 
ma loro rimangono i nostri splendidi amici !


giovedì 28 luglio 2016

Tra le nostre Gioie!


Una Gioia anche per le Voci in Viaggio!

Gioia e soddisfazione  per gli uomini e le donne del Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto e Ponte della Priula: hanno ottenuto il diploma.
Domenica 18 luglio abbiamo consegnato loro il diploma per i corsi che hanno frequentato nella Lucia Schiavinato University Anno Secondo, il progetto dell'associazione Lucia Schiavinato finanziato dal Csv Treviso.
Il diploma è il traguardo per chi ha frequentato i corsi del progetto: pet therapy, arteterapia, internet, fotografia, shiatsu, nordic walking, racconti. Tutte opportunità che grazie al bando Csv abbiamo potuto offrire alle persone con disabilita', e che son state realizzate assieme a volontari e professionisti amici dell'associazione Lucia Schiavinato e del Piccolo Rifugio.
I sorrisi e gli sguardi orgogliosi dei neo diplomati ci raccontano più di ogni parola il successo del progetto. 
Grazie a tutti quelli che lo hanno reso possibile!

http://piccolorifugio.org/lista-news/2016/luglio/la-gioia-dei-diplomi-per-i-nostri-partecipanti-al-progetto-lucia-schiavinato-university.aspx

venerdì 27 maggio 2016

Una Voce alla Radio...




Per chi volesse ascoltare una Voce, ecco qui il link dell'intervista rilasciata a Radio Veneto Uno il 2 maggio scorso.

http://www.venetouno.it/programma-ascolta/497/volontariato-on-air-voci-in-viaggio

Buon Ascolto e Buon Viaggio!

Antonella


mercoledì 4 maggio 2016

Celebriamo il 140° del "Cerletti" a Conegliano TV









Li porta bene i suoi anni e allora...festeggiamo! 

Il gruppo di lettura ad alta voce "Voci in Viaggio" di Conegliano TV festeggia insieme a voi celebrando il frutto centenario di chi ha studiato, meditato, sudato: il vino, appunto.

Vi aspetteremo Sabato 14 maggio  , in momenti diversi, nella Bottega del Vino dell'Istituto Enologico "Cerletti" di Conegliano TV per ascoltare parole e musiche di vecchi e nuovi autori che dal vino sono stati  ispirati innamorandosi della vita in modo pieno e profondo.

Entrare nella Bottega del Vino sarà come entrare in un mondo senza tempo dove suoni, parole, gesti e odori vi avvolgeranno calorosamente e vi emozioneranno. Ci inebrieranno.

Le Voci in Viaggio vi accoglieranno in tre diversi momenti del pomeriggio con un percorso sensoriale fatto di letture e gesti e suoni.

(orari indicativi)

primo momento: 15,30
secondo momento 16,30
terzo momento 17,30


Per saperne di più:
338/4149485
Voci in Viaggio (pagina facebook)



lunedì 2 maggio 2016

Le Voci in Viaggio a Radio Veneto Uno










Metti che in una giornata di pioggia, con una temperatura non tipicamente primaverile, la voce scalda l'ugola e il cuore e prepara parole ed emozioni da portare alla Radio.

Porterò la Voce delle Voci in Viaggio in radio e poi nell'etere volerà la passione, la gioia, l'Amore per le parole.

Che dire...Stay Tuned e presto vi farò sapere a che ora andrà in onda la registrazione.




martedì 19 aprile 2016

RIDEVOLISSIMEVOLMENTE



Immaginate un po'..Un bel locale, tanti amici, del buon cibo accompagnato da letture e tante risate. Tutto questo è quello che avete potuto incontrare all' Agriosteria "Alla salute" lo scorso 6 aprile.
Parole , risate, racconti, musica..Un racconto partito da lontano, dalla nostalgia dell'infanzia e dalle risate ricordando la cucina casalinga.
 E poi? La vendetta della Luisona! Si, lei, la regina delle paste che regnava incontrastata da anni e anni, nella teca del Bar Sport!
Passando poi alle riflessioni sullu fisse che circondano l'essere umano (a proposito, voi la carta igienica la volete con lo strappo che scende dall'alto o dal basso??).
E la signora Luigia? Detta L'uselanda? Voi avete capito che mestiere faceva? All'ufficio anagrafe, sulla carta d'identità hanno scritto che faceva l'ornitologa..Ma sarà vero?
Cenerentola nel 2016 come sarebbe? continuerebbe ad aspettare il suo principe azzurro..depressa, sola, mentre le sorellastre grazie alla sapiente chirurgia estetica diventeranno bellissime? O potrà cambiare il finale della sua storia?
Ed infine si capisce che duro possa essere il mestiere di far ridere la gente. Perchè chi lo fa professione puo' non essere felice di farlo..e in fondo non ride mai.

Beh, se vi abbiamo incuriosito con questi sprazzi di serata, sappiate che ce ne saranno tanti altri! Vi aspettiamo Mercoledi 4 maggio..Con.. L'ammore che de! Serata all'insegna di Assaggi di parole d'amore letti al ritmo del cuore!
Vi aspettiamo!

martedì 12 aprile 2016

Parlano di noi....









Quando le Voci in Viaggio vengono a trovarci al Piccolo Rifugio una cosa non manca mai:le storie. 
Le Voci sono specializzate nel raccontare le storie, ma sanno anche inventarle e crearle. E questo hanno fatto domenica 3 aprile in compagnia di un buon gruppo di ospiti del Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto.


Oltre alle foto sono anche i racconti e i sorrisi degli ospiti la domenica sera a dire quanto il pomeriggio sia stato un successo.

Ancora un grande grazie alle Voci per questo laboratorio, che è parte del progetto Lucia Schiavinato University Anno Secondo, finanziato dal Csv di Treviso.
Al pomeriggio della fantasia ha partecipato anche Daniela Tischer, una delle nostre volontarie dell'associazione Lucia Schiavinato, che così racconta
"Le Voci in Viaggio sono sempre una garanzia e in particolare Antonella è davvero brava nel coinvolgere i nostri. Infatti sono stati molto partecipi: chi leggeva, chi interpretava i quadri creando ombre da dietro il telone, perfino chi faceva da spettatore..."
"Il folto gruppo - racconta Antonella Rui delle Voci -  ci ha sorpreso con una grande voglia di partecipare. E la sorpresa più bella ce l'ha regalata Marisa quando si è fatta avanti chiedendo di poter leggere: che gioia sentirla! Lei ha fatto da apripista poi l'hanno seguita Maria Antonietta, Patrizia e Serena".

venerdì 1 aprile 2016

Le Voci in Viaggio al Piccolo Rifugio...dipingiamo?




Le Voci in Viaggio al Piccolo Rifugio:

domenica 3 aprilepomeriggio il salone polifunzionale della nostra casa diVittorio Veneto si trasformerà in una fucina della fantasia. Dalle 16 alle 18 chi vorrà tra le persone con disabilità del Piccolo Rifugio (e siamo certi che saranno tanti)potrà partecipare al laboratorio offerto dalle Voci In Viaggio, che guideranno il gruppo a sbrigliare la creatività e creare ed interpretare un racconto originale.


Il laboratorio di racconti è parte del progetto Lucia Schiavinato University finanziato dal Csv di Treviso - Volontarinsieme.



Fatia




Un fisico asciutto, tonico, energico. Leggermente spigoloso. Parla di fatica e giornate senza riposo.
Una lunga tunica nera, sintetica, dai profili argentati. Porta addosso l’odore del fumo, quello che si respira dentro le alte capanne di questa terra dove il fuoco brucia per cuocere pane e pietanze.
Un lungo foulard verde ad avvolgere il capo e a nascondere i capelli scuri raccolti alla base della nuca.
Un cordino nero  al collo a cui sta aggrappata una chiave. Probabilmente la porta di casa. Usanza, questa,  diffusa tra le donne etiopi.
Un anello di finto oro infilato nell’anulare della mano sinistra. Unico vezzo concesso alla sobrietà di questo corpo.

Fatìa è stesa su un lettino targato Unicef, la tunica nera è arrotolata sotto il seno, il foulard verde è scivolato e la testa ora è scoperta. La chiave non è più al centro del cordino, è scesa sul seno sinistro. Le mani stringono con forza i bordi del lettino e sostengono lo sforzo.
Il marito passeggia solo, a testa bassa, nel cortile dell’ambulatorio. Aspetta così la venuta al mondo della  nuova creatura.
A casa ci sono gli altri figli, un maschietto e una femminuccia.

Nella sala parto di questa zona rurale d’Etiopia Fatìa sta spingendo da quasi due ore.
Respira con tutto il suo corpo e saluta l’andare della contrazione con un lungo espiro, emettendo un suono simile ad uno…“Iòiòiò”. Sotto voce, quasi non volesse disturbare. O farsi notare.
Tra una contrazione e l’altra si stende sul fianco sinistro. Risponde alle indicazioni dell’ostetrica con un impercettibile cenno del capo.  Fatìa non chiede, non parla, non da segni di voler mollare.
Le ultime forze combattono con lo sfinimento che lento si allarga nelle pieghe del suo volto.
Da uno stetoscopio poggiato sul suo ventre si sente il battito del cuore. Sembra arrivare dal fondo del mare, da un posto lontano e pieno di onde.

Fatìa accetta la mia presenza muta, la stretta di una mano bianca e sconosciuta tesa nel goffo tentativo di prendere il proprio posto davanti allo spettacolo del Tutto che sta andando in scena.
Parole sussurrate di incoraggiamento e un quaderno sventolato per darle un po’ di sollievo.

Dalle facce delle ostetriche si capisce che qualcosa non sta andando nel verso giusto.
Il bimbo è ormai da un po’ incanalato, sta andando incontro alla vita, ma non ne vuol sapere di lasciare quel mare.
Cercano ancora una volta Il battito del suo cuore. Nel frastuono si intuisce un debole pulsare.
È passato troppo tempo. Decidono di intervenire, aiutando Fatìa con la ventosa.

Due giri di cordone attorno al collo, attorno alla perfezione e alla fragilità del corpo di una bimba appena venuta la mondo.
Silenzio.
Solo il contare secco e quasi metallico che accompagna il massaggio cardiaco. Poi anche la vibrazione della speranza si spegne.

C’è una bimba che sembra dormire, custodisce nel suo sonno la Vita intera. L’Inizio e la Fine.
La Bellezza eterna.
E tutto questo sta dentro una copertina azzurra. Un colore che mi riporta il mare.

Dopo il dolore  della placenta, Fatìa rimane stesa sul lettino.
Questa donna è dentro quel che è accaduto e al contempo già pronta per la vita che continua oltre la porta.
Una vita che non aspetta e che non concede molto pause, nemmeno se si tratta di una sala parto.
Fatìa ascolta l’ostetrica, ma tutto quello che è avvenuto lo si legge senza parole nel suo corpo e nel suo volto.
Non una lacrima, un’ esclamazione, un lampo di rabbia. Nulla. “Solo” questo istinto, questa solidità, questa prontezza…  Non so che nome ha e dove si trovi. Ma so che è necessaria in questa parte di mondo. Serve a spingere, ancora e di nuovo,  per mandare avanti  la vita. Qui e altrove.

Forse non c’è il tempo.
Oppure questo  non è lo spazio.
O forse non è concesso.
Forse è una sorte di confidenza con la morte.
Il tempo per il pianto. Lo spazio per la rabbia. Un modo per condividere, accogliere e lasciare andare.
Non ora, non qui,  ma ci sarà anche per Fatìa. È  questo suo saper attendere che mi spiazza e non mi lascia stare.
È qualcosa di molto lontano da me,  è un vivere che non mi appartiene.

Non passa molto tempo e Fatìa è già seduta sul lettino. L’accompagnano in bagno.
Esce con addosso un vestito nuovo e pulito.
Torna a casa col marito, che tiene tra le braccia il mare.


C’è stato un momento invisibile in cui la vita e la morte si sono incontrate e  scambiate di posto.
Nascondendosi nel ventre di una donna.
C’è una linea sottile, un Mistero che non smette di interrogarci.

Pensieri all’ombra di questa “nostra” Pasqua etiope.


Anna

sabato 20 febbraio 2016

Nuovi appassionanti appuntamenti.

Una nuova appassionante avventura per le Voci in Viaggio in collaborazione con l'Agriosteria "Alla Salute" di Vittorio Veneto.
Che dite? Ci vediamo lì? Ogni primo mercoledì del mese fino a luglio dalle ore 20,00 alle ore 22,00 saremo felici di incontrare nuovi amici, ascoltarci, ascoltarvi, stuzzicarci, divertirci e farci star bene perché le Voci in Viaggio fanno bene "Alla Salute".
ps: la prima serata sarà il 2 marzo e inizierà alle ore 20,00, e il 20 marzo dalle 16,00 alle 18,00 Paola Palmano terrà un laboratorio creativo per bambini. Inoltre tutti i mercoledì l'Agriosteria si anima di frizzante musica.





mercoledì 3 febbraio 2016

"Sottoscala" di un cavalcavia di Addis Abeba. Fermata dei minibus.



Della pietre sopra le quali sono appoggiati dei cartoni. Posto a sedere per i clienti del bar, che offre thè e caffè (conservati in due termos, rispettivamente blu e rosso), pane, confezionato in sacchetti di plastica poggiati sopra una sedia d'un tempo.
Su un vassoio le classiche tazzine etiopi, senza manico, e un bicchiere che raccoglie la ruta, che va servita a braccetto col caffè.
Alle spalle del barman, un separè di cartone... potrebbe esserci scritto "riservato al personale". Oltre il cartone, alto meno di un metro, una donna col capo coperto sta cambiando il pannolino al figlioletto.
A due passi dal bar, c'è la zona dedicata al lustra scarpe. Ma al posto del solito ragazzetto, è seduta, sopra una lattina, una bimbetta di 4 anni, probabilmente la figlia del barista. Indossa un vestitino a fiorellini ed è impegnata in un intrigante telefonata al suo "motorola" di plastica rosa e azzurro. Il suo interlocutore è seduto di fronte a lei, sulla pietra riservata a chi si fa pulire le scarpe... Un signore distinto, giacchetta di pelle e basco. Le regge il gioco parlando al suo smart phone.
Poi lei dice:"Bakka, ciao". Chiude lo sportellino del suo motorola e si alza dal suo sgabellino.
E' incredibile quante cose possano accadere, a volte, sotto uno squallido cavalcavia di una città africana.