...una voce...tante emozioni...un viaggio...tante voci...un libro...le voci in viaggio...
Siamo un gruppo di persone che Ama la lettura e ha deciso di mettere in valigia storie, racconti, fiabe, poesie e di partire per un lungo Viaggio, in mezzo alla gente.
Ad ogni tappa del nostro cammino trasmettiamo con la nostra Voce emozioni che partono da Viaggi lontani, a volte persi nel tempo.
Leggendo parole scritte da vite più o meno note, ma che hanno lasciato un segno nella storia del mondo, possiamo leggere la vita di tutti i giorni e cominciare a scrivere quella che verrà.
L’emozione più grande è leggere negli occhi e nel cuore di chi ti ascolta la condivisione di ciò che arriva dalla nostra anima.
Ed è l’inizio di un nuovo Viaggio…


Le Voci Consigliano

sabato 12 agosto 2017

Sabato al parco

Ah che sarà che sarà... che ci fa stare così bene ogni volta che stiamo insieme.... c'è qualcosa di speciale tra le voci in viaggio!! Mi meraviglia sempre come si sanno amalgamare le nostre diversità, mi meraviglia sempre come, quando siamo insieme, il cibo è buonissimo, il vino è buonissimo, l'atmosfera è gioiosa.Tante vite che si incontrano, e si intrecciano, e chiacchieriamo, e facciamo discorsi seri ( ah i massimi sistemi!!), e ci prendiamo in giro, e parliamo d'amore (e della festa della patata), e la Sonia mi dice che sono una rompi balle, e chiediamo alla Roby cosa leggere, e diciamo alla capa che a volte....(ma lei lo sa già!), e ci facciamo contagiare dall'energia della Giulia e dall'eleganza della Vittoria e dalla gioventù di Elena, ...e Rosanna dov'è??(che belle le nuvole!). Passeggiando tra gli alberi di Villa Varda ci siamo proprio godute il sole, l'ombra, l'acqua, il venticello leggero, e torno a casa più ricca e più felice perché, proprio quando non chiedi niente, la vita ti regala tanto!!!!

lunedì 31 luglio 2017

Anche se fa caldo.


Martedì 1 agosto 2017
alle 21,00
presso la Biblioteca di Codognè
ci rinfreschiamo ascoltando le storie
delle Voci in Viaggio
Ci aiuterà un gelato, un cuscino, un tappeto.
Il resto vien da sé...
Ti aspettiamo.

mercoledì 19 luglio 2017

Ti telefono per dirti....


 "Pronto? Sì. Ecco, stavamo giusto provando per l'evento del 25 luglio "Vecchie storie, ma non troppo".
Dove?  A Codognè, nel parco della Mutera.
Perché? E' un evento inserito nella rassegna culturale "Codogné sotto le stelle"
A che ora? Beh, alle 21,00.
L'ingresso è libero? Certo, sia per grandi che piccini.
Allora ti aspetto.
Ciao!"
Click!

martedì 4 luglio 2017

Viaggiare con le Parole @@@"Lord Jim" di Joseph Conrad ediz. Bompiani@@@

Grazie al nostro amico Patrizio che ci manda sempre queste pillole di libro.

Era alto quasi sei piedi, forse un pollice o due in meno, solidamente costrutto, e vi veniva incontro con le spalle un po' incurvate, la testa in avanti, e uno sguardo dall'alto in basso che vi faceva pensare a un toro pronto a caricare. la sua voce era profonda e sonora e i suoi modi rivelavano una tenace sicurezza in se stesso che pure nulla aveva di aggressivo. Sembrava una necessità quel suo atteggiamento, che appariva diretto tanto agli altri quanto a se medesimo. Meticolosamente curato nella persona, vestiva di bianco dalla testa ai piedi ed era assai popolare nei vari porti dell'Estremo Oriente, dove si guadagnava da vivere come agente di forniture marittime.
Un agente marittimo non ha bisogno di sottostare ad alcun esame, ma deve possedere in astratto una certa capacità, e saperla dimostrare praticamente. Il suo lavoro consiste nel precedere, a vela, a vapore o a forza di remi, gli altri agenti marittimi a bordo di ogni nave in procinto di gettar l'ancora, per salutare con effusione il capitano, e costringerlo ad accettare un biglietto da visita recante l'intestazione del fornitore navale da cui dipende; e, non appena il comandante scende per la sua prima visita a terra, deve pilotarlo con fermezza, ma senza ostentazione, sino a un magazzino vasto come una caverna, pieno zeppo di tutte quelle cose che si mangiano e si bevono a bordo; dove si può trovare e ottenere tutto ciò che può rendere bella ed atta alla navigazione la nave: da una serie di anelli per la catena dell'ancora sino alle lamine di foglia d'oro per decorare gli intagli di poppa; e dove il capitano è ricevuto come un fratello da un fornitore marittimo che non ha mai visto prima. Vi si trovano sempre un salotto fresco, poltrone, bottiglie, sigari, l'occorrente per scrivere, una copia dei regolamenti del porto, e il calore di un benvenuto che scioglie il sale da cui è impregnato il cuore di un marinaio dopo tre mesi di ininterrotta navigazione. Quella prima conoscenza deve essere coltivata, sino a quando la nave rimane in porto, dalle visite giornaliere dell'agente marittimo. Nei confronti del capitano egli deve essere fedele come un amico e pieno di attenzioni come un figlio, avere la pazienza di Giobbe, la disinteressata devozione di una donna, e l'allegria di un buontempone. Alla fine, si manda il conto. E' un mestiere bello e umano. Ecco perché i buoni agenti marittimi sono così scarsi. Quando un agente che possieda la capacità in astratto ha anche il vantaggio di essersi formato in mare, egli merita da parte del suo principale un bel po' di soldi e molta indulgenza. Jim aveva sempre stipendi ottimi e, in quanto a soddisfazioni, ne riceveva tante che sarebbero bastate a conquistare la fedeltà del diavolo in persona. Tuttavia, dando prova della più nera ingratitudine, gli accadeva di licenziarsi senza apparente motivo e di far fagotto. Ai suoi datori di lavoro forniva immancabilmente spiegazioni che, in realtà, non spiegavano nulla. Essi dicevano: "Maledetto pazzo!", non appena aveva voltato le spalle. E questo era il loro modo di commentare la sua squisita sensibilità.
Per i bianchi che trafficavano sulla costa e per i capitani di mare egli era semplicemente Jim, null'altro.
Il testo è tratto da "Lord Jim" di Joseph Conrad ediz. Bompiani.

Spedizione notturna nella mia stanza di François-Xavier de Maistre


La nostra amica e collaboratrice Katia Ceccarelli ci manda questa particolare recensione. Non vi vien voglia di leggere il libro?


François-Xavier de Maistre proveniva da una famiglia di intellettuali, il fratello Joseph era stato un antilluminista molto famoso a quel tempo tanto che era stato criticato anche da Leopardi.
François-Xavier invece era un tipo avventuroso, appassionato di mongolfiera e di scienza, era stato avviato alla carriera militare come usava fare con i figli scavezzacollo ed era finito a combattere contro Napoleone al fianco dell'esercito russo. Tanto amò la Russia da trasferirsi lì definitivamente nel 1839 fino al giorno della sua morte che avvenne a San Pietroburgo nel 1852.

Non aveva mai avuto velleità letterarie ma il destino e l'ingegno lo avevano reso autore di uno scritto molto apprezzato per la sua originalità: il Voyage autour de ma chambre "Viaggio intorno alla mia camera".
Il libro era nato per combattere la noia di una condanna agli arresti domiciliari a causa di un duello; nel 1794 era stato consegnato per 42 giorni al suo domicilio in quel di Torino.
Scrisse 42 capitoli, uno per ogni giorno, in cui, sulla falsariga dei grandi esploratori settecenteschi, descrive il panorama della sua camera come fosse un mondo da scoprire.
Il libro gli valse fama internazionale tanto da essere considerato l'epigono di un genere letterario.
Al “Viaggio” seguì la “Spedizione notturna” pubblicata nel 1825 a San Pietroburgo. Se il primo era stato frutto di un'idea bizzarra, quasi scherzosa, il secondo invece nacque da anni di riflessione e stilisticamente ripercorreva la transizione dall'Illuminismo al Romanticismo.

Ecco dunque che tanti anni dopo quell'esperienza, François-Xavier torna una sera nella sua stanza di Torino determinato a trascorre una notte fra quegli oggetti e quegli spazi che in gioventù gli avevano ispirato “Il Viaggio”.

“Il mio viaggio iniziò alle otto precise di sera. Il tempo era buono e prometteva una piacevole notte. Avevo preso le mie precauzioni per non essere importunato da visite – del resto rarissime, data l'altezza dell'alloggio e considerando le circostanze in cui mi trovavo all'epoca – e per rimanere solo fino a mezzanotte.
Per il compimento dell'impresa, quattr'ore mi erano più che sufficienti; anche perché, quella volta, volevo fare solo una semplice escursione intorno alla mia stanza.
Se il primo viaggio era durato quarantadue giorni, è perché non mi era stato possibile abbreviarlo. […] per meglio organizzare l'impresa e conferirle una possibilità di successo, pensai che bisognasse cominciare scrivendo una lettera dedicatoria [...] dopo lunga riflessione, giunsi a capire che sarebbe stato ragionevole scrivere prima e nel miglior modo possibile la lettera, cercando poi la persona a cui rivolgerla. [..] presi le poesie di Ossian e recitai a gran voce, camminando a grandi falcate per eccitare il mio entusiasmo [...] di queste avrei sicuramente approfittato per comporre con successo i versi della mia dedicatoria se, per mia sfortuna, non avessi dimenticato l'inclinazione del soffitto della stanza; che, abbassandosi all'improvviso, impedì alla mia fronte d'avanzare insieme ai piedi nella direzione presa.
Sbattei in modo così violento la testa contro quel maledetto soffitto, che il tetto della casa ne fu squassato. Il contraccolpo mi fece fare tre passi indietro, mentre i passeri che dormivano sulle tegole volarono via spaventati”.

Nonostante i buoni propositi dell'autore, la “Spedizione” inizia con una botta in testa. Personalmente ho letto questo libro con grande gusto e divertimento ma anche riflettendo sull'umanità e sull'ingegno delle persone speciali che in qualsiasi epoca e a qualsiasi latitudine sanno trovare il mondo in una stanza.

mercoledì 28 giugno 2017

Che Pirata Sei?





Con Le Voci in Viaggio solcheremo i mari del sud, e del nord, e anche ad est ed a ovest...
E se dovessimo trovare Johnny Deep andremo all'arrembaggio della sua nave perché siamo noi i pirati più Piratosissimi...
Indossa la tua benda più bella e unisciti a noi. Ti aspettiamo al caffè Arcadia di Corte delle Rose a Conegliano.
Sabato 1 luglio 2017
dalle 17,00


Ingresso Libero



mercoledì 21 giugno 2017

Occasioni perse...occasioni ritrovate occasionalmente.


Sabato 17 giugno arriviamo in via Carducci a Conegliano e alcuni gazebo sui marciapiedi ci fanno intuire che c'è una manifestazione...in più...difatti nessuno sapeva nulla!
Arrivo da Silmara, nel suo locale e mi conferma di non saper nulla di questo evento sportivo.
Tra l'altro il suo condizionatore le regala un assaggio in anticipo dell'ormai quasi abituale anticiclone africano, cioè ha deciso di non funzionare!
Pertanto decidiamo di far slittare l'evento "Racconti Lontani..." a data da destinarsi.
Un'occasione persa per rinfrescare quel pomeriggio con racconti di viaggio più o meno virtuali, ascoltando e sfiorando immagini vicine e lontane.
Un'occasione persa per chi poteva preparare un ottimo biberone per l'atleta stanco, a fine gara oppure per proporre lo "Sconto del podista"...avendolo saputo prima...
In realtà questa è stata anche l'occasione per stare seduti al tavolino esterno del Caffé Arcadia, sorseggiando un'ottima spremuta di melograno e per  parlare anche con i commercianti  di dove siamo, di dove andiamo, del da farsi e del non fare, dire...baciare...lettera, testamento, pugno sotto il mento come cita una vecchia conta.
Questa diventa l'occasione per far entrare in scaletta anche altri lettori e altri racconti.
E così, aspettando i "Racconti Lontani", occasionalmente ci siamo ritrovati.
A presto.